COLORANTI E PIGMENTI

Coloranti e pigmenti sono accomunati dal fatto che entrambi possono essere prodotti naturali o sintetici. La differenza essenzialmente consiste nella modalità in cui avviene la colorazione del manufatto o materiale (substrati) da trattare.

Nel caso dei coloranti tra la sostanza che impartisce il colore desiderato ed il substrato da colorare si stabiliscono dei legami chimici , coinvolgendo l’intera massa dello stesso substrato. Dal punto di vista chimico sono sostanze caratterizzate dalla presenza di gruppi atomici che donano al composto la possibilità di assorbire radiazioni elettromagnetiche dello spettro del visibile (luce) e quindi di apparire di un certo colore. Le molecole contenenti questi raggruppamenti atomici sono detti cromofori. In generale parliamo di sostanze che presentano gruppi aromatici, insaturazioni  ma in particolare Leggi tutto “COLORANTI E PIGMENTI”

TRICOCHIMICA : CHERATINA

Tra gli innumerevoli campi di applicazione delle scienze chimiche non poteva mancare quello della cura dei capelli. La chimica dei capelli è nota come tricochimica, ed ovviamente si interessa della composizione, struttura, funzionalità e colore dei nostri capelli oltre alla relazione tra questi aspetti e la formulazione degli shampoo.

Componenti essenziali di questi ultimi (ma non sempre sono presenti), come nel caso di tutti i detergenti già visti in un precedente articolo, sono i tensioattivi, che giocano un ruolo fondamentale nell’imbrigliare le molecole di sporco per portarle via con l’acqua.

Ma veniamo ora alle molecole che troviamo dentro il capello. Leggi tutto “TRICOCHIMICA : CHERATINA”

PORFIRINE E FTALOCIANINE

Quella delle porfirine è una famiglia di composti organici naturali, molto stabili perchè aromatici, che possono anche essere ottenuti sinteticamente. Si tratta di pigmenti con caratteristiche colorazioni dovute all’elevata coniugazione (legami doppi carbonio-carbonio alternati a legami singoli) che permette l’assorbimento di radiazioni dello spettro del visibile.

Possiamo notare la presenza in struttura planare di quattro pirroli legati attraverso ponti metinici (=CH-), ma ciò non vuol dire che siano da considerarsi derivati del pirrolo, piuttosto sono derivati della porfina, la più semplice delle porfirine esistenti. Differiscono tra loro per numero e tipo dei sostituenti legati ai 4 gruppi pirrolici.

porfirine
Porfina

Molto importante è la loro capacità di sostituire gli atomi di idrogeno dei gruppi -NH per legare metalli, come ad esempio il ferro.

 

Il colore fondamentale è il rosso-arancio, Leggi tutto “PORFIRINE E FTALOCIANINE”

L’ INDACO E I BLU JEANS

L’uso dell’ indaco come tintura per tessuti ha origini particolarmente antiche, mentre il suo nome evoca la  diffusione di questo composto in India già molti secoli  fa .

indaco colorante blu
Indaco, ovvero 2-(1,3-diidro-3-osso-2H-indol-2-ilidene)-1,2-diidro-3H-indol-3-one.

La sua molecola fa parte della famiglia degli indoli,  ad essa dobbiamo la caratteristica colorazione blu dei jeans , nonostante il complicato utilizzo come tintura a causa della sua scarsa solubilità (una caratteristica che accomuna i pigmenti) in acqua ed alcoli: il problema fu aggirato  grazie all’ottenimento della sua forma solubile leuco-indaco, dunque è proprio quest’ultimo ad essere applicato ai tessuti. Leggi tutto “L’ INDACO E I BLU JEANS”