OTTANO

L’ ottano è una molecola organica lineare appartenente alla famiglia degli alcani; essendo costituita  da atomi di carbonio ed idrogeno ed esclusivamente da legami singoli , è un idrocarburo saturo.

Possiamo ottenerlo su piccola scala di laboratorio se conosciamo i reattivi di Grignard. Il reattivo lo otteniamo come primo prodotto della reazione tra 1-iodoottano ed il magnesio in solvente etere, mentre la sua successiva idrolisi ci darà l’alcano: Leggi tutto “OTTANO”

IDROGENAZIONE DEGLI ALCHINI

Alcheni ed alchini sono accomunati da una reattività simile ed in modo particolare dal meccanismo di apertura del legame multiplo che vede in gioco un’ addizione elettrofila oppure radicalica.

La questione principale da tenere a mente è quella che esistono reazioni di addizione spinte a sufficienza da portare ad un prodotto non più insaturo oppure reazioni che si fermano al prodotto alchene, evitando quindi l’apertura  del secondo legame carbonio-carbonio.

Possiamo osservare questa differenza ad esempio nelle reazioni di idrogenazione degli alchini. Riducendo un alchino in presenza di Leggi tutto “IDROGENAZIONE DEGLI ALCHINI”

TRASPOSIZIONI IN CHIMICA ORGANICA

In chimica organica sono molto diffusi gli spostamenti di atomi o gruppi atomici all’interno di una stessa molecola che danno luogo ad un riarrangiamento strutturale tale da portare ad un isomero strutturale maggiormente stabile. Nella maggioranza dei casi si tratta di scivolamenti (shift) di un atomo di idrogeno, un gruppo alchilico o arilico tra due posizioni adiacenti (più che altro tra due atomi di carbonio) definite come trasposizioni 1,2.

Tra i meccanismi di trasposizione Leggi tutto “TRASPOSIZIONI IN CHIMICA ORGANICA”

PROPRIETA’ FISICHE dei composti organici

Come già visto a proposito della solubilità , le interazioni intermolecolari assumono un ruolo determinante sulle temperature di fusione e di ebollizione dei composti organici. I forti legami ad idrogeno che troviamo, ad esempio, negli alcoli e negli acidi carbossilici ne giustificano punti di ebollizione elevati , come nel caso dell’acqua.

Ben diversa la situazione per gli idrocarburi che sono apolari, quindi soggetti esclusivamente a forze di interazione intermolecolari di tipo Van der Waals (più precisamente forze di London) ; tuttavia queste possono diventare tanto rilevanti con il crescere dei pesi molecolari da dare origine a stati di aggregazione condensati . Infatti gli alcani fino a 4 atomi di carbonio sono gassosi; oltre i 15 atomi di carbonio le molecole sono grandi Leggi tutto “PROPRIETA’ FISICHE dei composti organici”

CHIMICA DEGLI ODORI

Le sostanze che emettono odori percettibili dal nostro naso hanno alcune caratteristiche  comuni che possiamo così riassumere:

  • Hanno volatilità sufficiente a dare origine a molecole allo stato aeriforme in grado di entrare nelle nostre narici e raggiungere la zona dell’epitelio olfattivo.
  • Hanno liposolubilità e idrosolubilità almeno sufficienti a passare attraverso quello strato di muco che ricopre l’epitelio olfattivo rendendo possibile l’interazione con i chemorecettori responsabili della percezione degli odori, che ovviamente avviene attraverso il cervello.

Leggi tutto “CHIMICA DEGLI ODORI”

ISOMERIA

Definiamo isomeri due o più molecole che presentano la stessa formula grezza ma diverse proprietà chimico-fisiche. La prima importante distinzione da capire è quella tra isomeria costituzionale e stereoisomeria.

Per isomeri costituzionali intendiamo molecole che hanno uguale formula grezza ma diversa connettività: gli atomi sono legati in un ordine differente. A sua volta questa “macrofamiglia” degli isomeri costituzionali comprende tre sottoinsiemi : gli isomeri di catena (1), di posizione (2) e di gruppo funzionale (3). Nel primo caso Leggi tutto “ISOMERIA”