PROPRIETA’ FISICHE dei composti organici

Come già visto a proposito della solubilità , le interazioni intermolecolari assumono un ruolo determinante sulle temperature di fusione e di ebollizione dei composti organici. I forti legami ad idrogeno che troviamo, ad esempio, negli alcoli e negli acidi carbossilici ne giustificano punti di ebollizione elevati , come nel caso dell’acqua.

Ben diversa la situazione per gli idrocarburi che sono apolari, quindi soggetti esclusivamente a forze di interazione intermolecolari di tipo Van der Waals (più precisamente forze di London) ; tuttavia queste possono diventare tanto rilevanti con il crescere dei pesi molecolari da dare origine a stati di aggregazione condensati . Infatti gli alcani fino a 4 atomi di carbonio sono gassosi; oltre i 15 atomi di carbonio le molecole sono grandi Leggi tutto “PROPRIETA’ FISICHE dei composti organici”

LE FORZE DI KEESOM

Le forze di Keesom sono forze di interazione intermolecolari che possono stabilirsi tra molecole polari, infatti sono anche meglio conosciute come interazioni dipolo-dipolo  . Appartengono quindi a quel gruppo di forze noto come interazioni di Van der Waals.

Hanno un effetto orientante, cioè i dipoli si allineano in modo da presentare le cariche opposte le une di fronte alle altre al fine di minimizzare l’energia del sistema. L’entità delle forze dipolo-dipolo dipende principalmente da due fattori: in primo luogo dal momento di dipolo µ delle molecole in questione, poi dalla temperatura. Leggi tutto “LE FORZE DI KEESOM”

FORZE DI VAN DER WAALS

Le forze di Van der Waals sono forze di interazione intermolecolari note anche come legami deboli, di natura elettrostatica , attrattive o repulsive a seconda delle distanze tra le particelle, secondo il modello di Lennard-Jones ( sono attrattive per lunghe distanze tra molecole, repulsive a corto raggio) , e nonostante siano diverse dai legami chimici anche dal punto di vista energetico, sono fondamentali perchè influenzano drammaticamente le caratteristiche chimico-fisiche delle sostanze allo stato condensato.

Allo stato gassoso infatti avremmo bisogno di abbassare la temperatura e/o aumentare la pressione per far si che  queste forze possano vincere l’energia cinetica responsabile delle tipiche caratteristiche dello stato aereiforme: è il motivo per cui, ad esempio, possiamo ottenere la liquefazione dell’ossigeno O2 apolare anche a temperature superiori allo zero assoluto.

E’ una classe di interazioni che Leggi tutto “FORZE DI VAN DER WAALS”

LA TENSIONE STERICA

La tensione sterica trae origine dalle forze di Van der Waals , cioè quelle forze note anche come legami deboli o interazioni di non legame che riguardano sia molecole polari che apolari. Nel caso di queste ultime la possibilità di osservare uno stato condensato anche per molecole come, ad esempio, Cl2 è dovuta a dipoli temporanei che si generano a causa di una distribuzione di carica elettrica non più omogenea in un dato istante di tempo, a causa proprio di fluttuazioni della Leggi tutto “LA TENSIONE STERICA”