COMPOSIZIONE DEL PETROLIO

La composizione chimica del petrolio non dipende esclusivamente dall’ubicazione geografica e dalla storia geologica di un giacimento , ma anche dalla profondità alla quale si trova il greggio nello stesso . La caratteristica comune di tutti i petroli è senz’altro quella della netta predominanza degli elementi carbonio ed idrogeno che ne rappresentano almeno il 92-93% in composizione elementare. Carbonio ed idrogeno sono  tra loro legati a formare idrocarburi  (ne sono stati individuati  centinaia di tipi diversi), fino a costituire circa il 95% di tutti i composti presenti.  Non mancano altri elementi, soprattutto ossigeno, azoto e zolfo. Leggi tutto “COMPOSIZIONE DEL PETROLIO”

IDROGENAZIONE DEGLI ALCHINI

Alcheni ed alchini sono accomunati da una reattività simile ed in modo particolare dal meccanismo di apertura del legame multiplo che vede in gioco un’ addizione elettrofila oppure radicalica.

La questione principale da tenere a mente è quella che esistono reazioni di addizione spinte a sufficienza da portare ad un prodotto non più insaturo oppure reazioni che si fermano al prodotto alchene, evitando quindi l’apertura  del secondo legame carbonio-carbonio.

Possiamo osservare questa differenza ad esempio nelle reazioni di idrogenazione degli alchini. Riducendo un alchino in presenza di Leggi tutto “IDROGENAZIONE DEGLI ALCHINI”

CARBONILAZIONE DEL METANOLO

La carbonilazione catalitica del metanolo utilizzata per la sintesi dell’acido acetico è solo una delle varie reazioni messe a punto dal chimico tedesco Walter Reppe a cavallo della seconda guerra mondiale.

Le reazioni di Reppe sono  carbonilazioni  di alchini (in particolare acetilene), alcheni ed altri composti organici molto reattivi, in presenza di nucleofili quali acqua o ammine. Un elemento comune di questi processi è la formazione, nell’ambiente di reazione, di un complesso metallo-carbonile che costituisce il catalizzatore.

Nel noto processo Monsanto , Leggi tutto “CARBONILAZIONE DEL METANOLO”

SINTESI DI ALCOLI

Le vie sintetiche per l’ottenimento degli alcoli sono molteplici, in quest’articolo quindi ci focalizzeremo soprattutto su quelle che prevedono l’utilizzo dei reattivi di Grignard , che sono composti organometallici diffusi in una miriade di reazioni della chimica organica. Questi infatti, essendo una fonte di carbanioni , possono essere usati per ottenere alcoli attraverso un attacco nucleofilo al carbonile di aldeidi e chetoni . Leggi tutto “SINTESI DI ALCOLI”

COMPLESSI OLEFINICI

Le caratteristiche del legame covalente π rendono possibile il funzionamento di alcheni e dieni come ligandi in complessi con molti metalli di transizione che sono anche denominati complessi π.

Infatti gli elettroni coinvolti nei legami π sono meno saldamente vincolati rispetto a quelli impegnati in legami σ ; questa caratteristica, assieme alla forma assunta dagli stessi orbitali π, rende gli elettroni disponibili alla cessione a specie elettrofile, esattamente come Leggi tutto “COMPLESSI OLEFINICI”