IDROLISI SALINA

Molti sali possono dar luogo alla variazione del pH di una soluzione dato che la loro dissoluzione determina la formazione di ioni con certe caratteristiche. Più precisamente gli ioni (cationi o anioni) in questione possono reagire con l’acqua causando la variazione del  pH perchè corrispondono ad acidi o basi coniugate rispettivamente di basi o acidi deboli. Esaminando i seguenti quattro casi di tali reazioni definite di idrolisi la situazione sarà più chiara.

 

Caso 1. Neutralità. Molti sono i sali che sciolti in acqua non modificano affatto il pH dal valore neutro ,come ad esempio il comune sale da cucina NaCl. Il catione Na+ è l’acido coniugato di una base forte come l’NaOH: come prevedibile in base alla teoria acido-base di Bronsted-Lowry, Na+ è un acido debole che non reagirà con l’acqua e dunque non darà luogo all’aumento della concentrazione degli ioni idrossonio. Stesso discorso per  Cl: è la base coniugata dell’acido forte HCl , quindi non è abbastanza forte da dar luogo a reazione acido-base con il solvente acquoso. In definitiva molti ioni hanno la naturale tendenza a rimanere tal quali o meglio circondati da molecole d’acqua garantendo un valore del pH uguale a 7.

 

Caso 2. Idrolisi basica. L’idrolisi basica è il risultato di una reazione tra le molecole d’acqua e gli anioni derivanti dalla dissociazione del sale. Si tratta però in tal caso di anioni che sono basi coniugate di acidi deboli. Ne è un esempio lo ione acetato, base coniugata del debole acido acetico: è una base forte a sufficienza da dar luogo a tale reazione:

CH3COO+ H2O → CH3COOH + OH

La dissoluzione del KCN rende basica la sua soluzione acquosa. CN è la base coniugata dell’acido debole HCN, quindi possiamo aspettarci:

CN+ H2O → HCN + OH

Al contrario K+ è l’acido coniugato della base forte KOH: niente idrolisi acida.

 

Caso 3. Idrolisi acida. La dissoluzione di un sale può liberare cationi con caratteristiche acide. Un esempio può essere l’ NH4Cl: il cloruro non dà idrolisi basica , ma è lo ione ammonio a dare idrolisi acida essendo l’acido coniugato dell’ammoniaca, che è notoriamente una base debole. A dare idrolisi acida sono anche tanti cationi ad alta densità di carica derivanti da metalli di transizione, ad esempio:

Al+3 , Fe+3, Zn2+ , Cr+3, Pb2+. L’ Al+3 per esempio si idrolizza secondo la seguente reazione:

Al+3 + H2O ↔ AlOH2+ + H+

 

Caso 4. Doppia idrolisi. Idrolisi simultanea acida e basica dovuta alla dissoluzione di un sale in cui sia il catione che l’anione possono dare idrolisi. Esempio è il NH4CN, con l’idrolisi acida di NH4+ e basica di CN. Ovviamente per la valutazione del pH bisognerà tener conto della forza relativa delle due specie.

Chimitutor -28 Ottobre 2017